Ponteggi esterni Multicom

Nelle ristrutturazioni edilizie o per interventi di nuova edificazione, di fabbricati multipiano, una delle condizioni pi ù evidenti, è di rendere accessibili i vari livelli dell'opera, oltre ovviamente consentire anche i lavori sui prospetti esterni.

In questi casi solitamente le imprese procedono con la composizione di ponteggiesterni oppure adottano apparecchiature di tipo mobile.

A seguire si propone una di queste soluzioni che si prefigura come sistema dotato di un'ottima efficienza e funzionalità.

Ponteggi esterni

Uno di questi elementi, è il Multicomdella CONDORS.p.A. (Azienda del settore), un sistema che si affianca ai tradizionali ponteggi a telai, a tubo e giunto, ecc.

Questa struttura si caratterizza per molte peculiarità, tra cui la possibilità di collocare i piani di lavoro ogni cinquanta centimetridi altezza (rispetto ai due metri dei tradizionali ponteggi a telai prefabbricati), con evidente possibilità di porre gli interpiani secondo le varie esigenze cantieristiche e quindi per un'ottimafunzionalitàoperativa.

Tutti gli elementi del sistema modulare multidirezionale Multicom sono realizzati in diverse lunghezze e dimensioni per permettere di realizzare ponteggi per qualsiasi tipo di costruzione.

La versatilità del nodo centrale, inoltre, offre anche la possibilità di creare strutture semicircolari per andare incontro alle particolari esigenze di cantiere.

Tra le altre caratteristiche di questo sistema vi è anche la possibilità di realizzare strutture di facciata di diverso tipo, oltre a torri di sostegno o getti di solaio, scale pubbliche fino a 60 metri di altezza, oltre a: coperture (fino a 30 metri di luce), passerelle pedonali, palchi e tribune per spettacoli.

Il ponteggio Multicom è caratterizzato da un sistema di assemblaggiosemplice d'innesto rapido, che permette un sicuro collegamento tra i montanti (elementi verticali), i correnti e traversi (elementi orizzontali), e/o alle diagonali.

Le portate delle stilate, possono variare in funzione della composizione tra la distanza (in verticale) dei correnti o traversi che, abbinati alle diagonali, permettono di raggiungere carichi al piede (per ogni stilata) da trenta a cinquanta kN.
Questo fattore consente ovviamente una ottima condizione operativain funzione dell'attrezzatura adottata in cantiere.

Per gli impalcati è previsto l'utilizzo di tavolemetalliche, con piano antiscivolo, con ganci di appoggio collocati in maniera sfalsata e atti a consentire la sistemazione  (testa a testa) dei pezzi su un medesimo corrente e/o traverso.
I singoli elementi (con larghezza di 30,6 centimetri e predisposte con spina antivento integrata), intervallate con le tavole di compenso e con giunto, permettono di creare piani di lavoro senzaaperture.

Altro particolare interessante di Multicom, è anche la possibilità di realizzare scale a torre(a seguire e sovrapposte), che permettono di migliorare la funzionalità operativa nell'accessibilità ai vari livelli.

Questo sistemapuò essere collocato sia all'interno di campi aggiuntivi di ponteggio Multicom, e sia esternamente alle classiche strutture a telaio.
Da segnalare anche le strutture di sostegnoMulticom, più vantaggiose (in molte situazioni) rispetto ai tradizionali sistemi di puntellazione.

Si compone di una soluzione standardizzata per getti fino a 20,00 metri di altezza, ed adatta per: ponti, viadotti, strutture a geometria variabile e getti anche con spessori di soletta rilevanti.
In abbinamento alla travatura multidirezionale TRM 125, è possibile realizzare passerelle, ponti e coperture di grande luce.